Foiano della Chiana - Arezzo - Via Poggiarello, 15
0039 3317152029 / 0039 0575 649015 / 0039 3397144588 /
info@agriturismomenchetti.com
Book Now
Olio Extravergine di Oliva Menchetti
Home > Agriturismo in Toscana con piscina e wi-fi gratuito > Olio Extravergine di Oliva Menchetti

Olio Extravergine di Oliva Menchetti

Produciamo e vendiamo olio extravergine di oliva IGP Toscano scegliendo i metodi di coltivazione, di raccolta, di spremitura e di conservazione che permettono di ottenere un olio extravergine di oliva di massima qualità con acidità intorno allo 0,1%

L’Uliveto

L’ Olio extravergine di oliva Menchetti è il risultato della sapiente coltivazione del nostro  maestoso uliveto, curato minuziosamente dalla potatura alla raccolta senza l’utilizzo di prodotti chimici.

L’azienda produce fra i 10.000 e i 15.000 litri di olio ogni anno, ritenendo doveroso mantenere una produzione limitata per garantire sempre alti standard di controllo qualitativo..

La raccolta delle Olive 

La raccolta avviene fra ottobre e gennaio, quando le olive hanno raggiunto    il livello di maturazione ottimale.

La raccolta è un’attività che coinvolge tutta l’azienda agrituristica ed è un momento di aggregazione e di lavoro in gruppo.
Inizia, come da tradizione, con la stesura di ampie reti per facilitare l’accumulo delle olive, applicando il metodo della brucatura a mano, cioè la cernita delle migliori olive e l’eliminazione di rami e foglie inevitabilmente cadute.

Questa tecnica non è praticabile in aziende di dimensioni medio-grandi a causa dei costi di manodopera ed è tipica delle produzioni artigianali, a ulteriore conferma della cura e della passione con cui produciamo il nostro olio extravergine di oliva.

DSCN3075 (FILEminimizer)

L’Azienda Agrituristica Menchetti offre la possibilità di partecipare ai “Week end per la raccolta”, coinvolgenti fine settimana in cui ci affiancherete nell’attività di raccolta delle olive e ci accompagnerete al frantoio da cui uscirete con il vostro olio appena spremuto.

L’Olio 

L’olio Menchetti non subisce dopo la spremitura nessun tipo di lavorazione.

Il prodotto ottenuto è un olio dal colore verde molto intenso, non trasparente, profumato e aromatico, dal sapore forte. Tutte queste caratteristiche vanno piano piano attenuandosi col passare del tempo, fino ad ottenere un olio chiaro, trasparente e dal sapore delicato.

I contadini Toscani preferiscono “l’olio novo” dai toni forti e pungenti. Quando si assaggia l’olio novo si sente un caratteristico pizzicore in gola accompagnato da un leggero fondo di amaro e da un retrogusto di carciofo. Le persone non abituate a questo sapore in genere prediligono l’olio di primavera, gia un po’ decantato e ingentilito, anche se di anno in anno tendono sempre più a richiedere l’olio novo.

L’olio extravergine di oliva per legge deve avere una acidità inferiore a 0,8% ovvero deve contenere una quantità di acido oleico inferiore a 0,8 grammi per litro. Il nostro olio, dalle analisi effettuate durante la raccolta, risulta avere un’ acidità che oscilla tra 0.2% e 0.25% a seconda delle annate.

Anche tutti gli altri parametri delle analisi risultano di molte volte inferiori a quelli minimi di legge.

La conservazione 

VERSARE NEI CONTENITORI

L’olio va conservato al riparo dalla luce e dal calore. È preferibile consumarlo entro un anno per non fargli perdere troppo le caratteristiche organolettiche e di sapore descritte ma, se ben tenuto, può tranquillamente durare due o anche tre anni.

Gli oli non filtrati se comprati soprattutto durante l’inverno lasciano nel recipiente un leggero deposito, per gli oli comprati in primavera questo deposito è minimo perché la decantazione è già avvenuta nei recipienti di conservazione. Naturalmente la presenza del fondo conferma la genuinità dell’olio e non è assolutamente indice di un processo di deterioramento in atto nel prodotto.

La degustazione 

Pur essendo universalmente riconosciuto come il condimento per eccellenza, uno dei modi migliori per degustare l’olio extravergine d’oliva, e soprattutto l’olio novo è indubbiamente la bruschetta toscana.

OLIO NUOVO-BRUSCHETTAUna fetta del classico pane casereccio toscano con abbondante olio d’oliva e un pizzico di sale. In questo modo si arriva ad apprezzare ogni sfumatura di gusto e profumo dell’olio —soprattutto con l’olio novo— il caratteristico pizzicore in gola.

L’olio è poi straordinario su tutti i tipi di insalata mediterranea, oppure d’inverno sulle zuppe o le ribollite: una volta pronta la zuppa si da una abbondante spolverata di grana e si aggiunge in ogni piatto un bel filo d’olio crudo, che con il calore della minestra diffonde nell’aria un profumo meraviglioso…